Fusioni e acquisizioni. Minimizzare i danni.

L’operazione di acquisizione di un’azienda è solitamente preceduta dallo scrupoloso processo investigativo detto “due diligence”, ciononostante i manager e coloro che devono prendere le decisioni in merito si ritrovano a dover affrontare sempre le stesse domande fondamentali:

I dati corrispondono alla effettiva performance e al reale volume di affari? Lo staff è davvero a favore della nuova gestione?

Quali accordi (sconosciuti) e quali contratti con i fornitori, clienti o altre parti terze potrebbero influire sulla valutazione dell’azienda?
Nel processo di due diligence sono stati presi in considerazione tutti i fattori di rischio (soft/hard)?
Le risposte a tali quesiti sono solitamente formulate in modo vago, pertanto si tiene volutamente conto dell’esistenza di una zona d’ombra.

Di cosa si occupano i nostri workshop di gestione dei rischi

Analisi della sicurezza dell’azienda e valutazione dello staff in termini di corruzione e fedeltà.
Esame dei rapporti d’affari esistenti in termini di incongruenze e punti deboli.
Valutazione dei dati principali dell’azienda in un’ottica orientata al mercato, e così via.